venerdì 27 agosto 2010

I sorrisini


Questo è un piatto della memoria... Una delle (poche) cose che mi piaceva mangiare da piccola. Mia mamma comprava queste super polpette ripiene in una macelleria, che da bambina, già solo per il nome Heidy, mi piaceva e mi rendeva più propensa a mangiare ciò che giungeva da quei banconi. Si una bimbetta stupidella lo so.
Presumo che il nome sia sorrisini per via della somiglianza con i sofficini, e comunque premendone il centro con la forchetta questi sorridono mooolto meno dei sofficini (ovviamente ci provavo). A giudicare dalla foto che pubblico li avrei dovuti chiamare sbrodolini, ma non sarebbe stato molto fine.
Per prepararli ho dovuto cercare i ricordi del sapore nei meandri della mia mente, è da tantissimi anni che non li mangio, ma quando li ho assaggiati ho ritenuto che il risultato si avvicinasse notevolmente ai miei ricordi...
Per cui eccovi i miei sorrisini (si vede che oggi ho imparato a metter le parole in corsivo sui post?!?!?)

400 gr di trita di bovino
400 gr di trita di suino
1 uovo
capperi
parmigiano grattugiato
pane grattugiato
mozzarella per pizza
salsa di pomodoro
origano
sale
olio extravergine d'oliva

In una ciotola capiente mettete la carne trita, l'uovo, i capperi tritati, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, poco pane grattugiato e sale e lavorate con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo. Formate delle grosse polpette e appiattitele il più possibile poggiandole su un piatto. In una ciotolina mescolate qualche cucchiaiata di salsa di pomodoro con origano e sale. Versate un cucchiaino di composto al centro della polpetta schiacciata e aggiungete alcuni dadini di mozzarella per pizza. Chiudete la polpetta a mezzaluna, premendo lungo i bordi per non far uscire il composto (con le mani inumidite sarà tutto più facile). Passatele nel pane grattugiato e mettetele in una teglia. Irrorate con un filo di olio e infornate a 170° per 25 minuti.
Related Posts with Thumbnails