lunedì 30 agosto 2010

Semolotti. Ovvero biscotti con semolino


In un momento di sconforto stavo per destinare questi biscotti alla spazzatura. Si perché questo è il mio primo esperimento con la sparabiscotti, un totale fallimento.
Per cui ero talmente nervosa da aver deciso di buttare l'impasto immediatamente. Poi, mentre lo tiravo fuori dalla sparabiscotti, ho visto la forma perfettamente cilindrica che l'impasto aveva assunto e ho deciso di dargli una chance. Ho affettato il cilindretto e ho messo i biscotti in forno. Per fortuna.
In casa si è sprigonato un profumo di frittelle delizioso (non so perché facevano odore di frittelle... sono biscotti, boh) che però mi ha resa ancora più sospettosa.
Li ho tirati fuori dal forno, li ho fatti raffreddare, ne ho assaggiato uno, un'altro per sicurezza... e ho deciso di scrivere immediatamente la ricetta, perché sono assolutamente da rifare! Di sicuro con l'aggiunta di gocce di cioccolato la prossima volta.
Per questi biscotti mi sono ispirata liberamente alla ricetta "Frollini al burro con farina di semolino" del libro "I biscotti più buoni del mondo", sostituendo il burro con l'olio, aggiungendo vaniglia e bicarbonato e aumentando un po' la dose di zucchero.

150 gr di farina
50 gr di semola
100 gr scarsi di zucchero
1 cucchiaino raso di vaniglia bourbon in polvere
1 pizzico di sale
1/2 cucchiaino di bicarbonato
70 gr di olio di semi di girasole

In un'ampia ciotola mettete tutti gli ingredienti ad eccezione dell'olio e mescolate con una frusta fino a che il mix avrà un aspetto omogeneo. Aggiungete l'olio e continuate a mescolare con la frusta, poi impastate con le mani fino ad avere una palla che avvolgerete in una pellicola e metterete in frigo per mezz'ora. Date all'impasto forma cilindrica e tagliate a fette. Disponete i biscotti sulla leccarda del forno e infornate a 170° per 15 minuti. Fate raffreddare su una gratella per dolci.

venerdì 27 agosto 2010

I sorrisini


Questo è un piatto della memoria... Una delle (poche) cose che mi piaceva mangiare da piccola. Mia mamma comprava queste super polpette ripiene in una macelleria, che da bambina, già solo per il nome Heidy, mi piaceva e mi rendeva più propensa a mangiare ciò che giungeva da quei banconi. Si una bimbetta stupidella lo so.
Presumo che il nome sia sorrisini per via della somiglianza con i sofficini, e comunque premendone il centro con la forchetta questi sorridono mooolto meno dei sofficini (ovviamente ci provavo). A giudicare dalla foto che pubblico li avrei dovuti chiamare sbrodolini, ma non sarebbe stato molto fine.
Per prepararli ho dovuto cercare i ricordi del sapore nei meandri della mia mente, è da tantissimi anni che non li mangio, ma quando li ho assaggiati ho ritenuto che il risultato si avvicinasse notevolmente ai miei ricordi...
Per cui eccovi i miei sorrisini (si vede che oggi ho imparato a metter le parole in corsivo sui post?!?!?)

400 gr di trita di bovino
400 gr di trita di suino
1 uovo
capperi
parmigiano grattugiato
pane grattugiato
mozzarella per pizza
salsa di pomodoro
origano
sale
olio extravergine d'oliva

In una ciotola capiente mettete la carne trita, l'uovo, i capperi tritati, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, poco pane grattugiato e sale e lavorate con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo. Formate delle grosse polpette e appiattitele il più possibile poggiandole su un piatto. In una ciotolina mescolate qualche cucchiaiata di salsa di pomodoro con origano e sale. Versate un cucchiaino di composto al centro della polpetta schiacciata e aggiungete alcuni dadini di mozzarella per pizza. Chiudete la polpetta a mezzaluna, premendo lungo i bordi per non far uscire il composto (con le mani inumidite sarà tutto più facile). Passatele nel pane grattugiato e mettetele in una teglia. Irrorate con un filo di olio e infornate a 170° per 25 minuti.

mercoledì 25 agosto 2010

Muffins alle nocciole e cuore di irresistibile scioglievolezza


Ma buongiorno! Scrivere la marca di un cioccolatino sul blog è pubblicità?! Boh... Vabbeh comunque dal titolo credo abbiate capito... Avete presente quei divini cioccolatini tondi e con la carta rossa che vi riempiono il cuore di gioia e i fianchi di innumerevoli centimetri mentre si sciolgono nelle vostre boccucce? Ecco, proprio quelli :D
In realtà solo perché quel giorno a casa non c'era altro genere di cioccolato...
Come dico sempre i muffins sono a pieno titolo nella mia idea di perfetta colazione, in più mi piace tanto farli, sono semplici, buoni, belli.... Questi muffins sono nati una notte prima della nanna quando Lele ha espresso il desiderio di qualcosa di goloso per colazione... Così mi sono messa all'opera in preda a non so quale energia, visto che dopo le 21 mi trasformo in un'ameba... Ho messo un po' di questo un po' di quello senza seguire una ricetta precisa e sono venuti fuori loro.

180 gr farina
150 gr zucchero
100 gr nocciole
1/2 bustina lievito
100 gr olio di girasole
2 uova
3 ovetti di cioccolato cioccolato
granella di zucchero

Mettete nel mixer le nocciole insieme allo zucchero e azionate fino ad avere una granella fine. Versate il mix in una ciotola insieme al lievito e alla farina e mescolate. In un'altra ciotola mettete le uova e l'olio, mescolate. Unite il contenuto delle due ciotole e mescolate con una forchetta. Riempite 12 pirottini per 3/4. Vista la grandezza nei famosi cioccolatini divideteli in 4, infarinateli e spingete un quarto di ovetto dentro ogni muffin. Ricoprite la superficie dei muffins con tanta granella di zucchero e infornate a 175° per 20 minuti.

lunedì 23 agosto 2010

Bocconcini di pollo al sesamo


La cucina è aperta!!! Signore, signori avanti, siamo aperti....
Rieccoci qui, dopo delle vacanze alquanto discutibili, ma comunque andate poi non così male, bisogna cercare assolutamente di vedere il bicchiere mezzo pieno, o ci affoghiamo in quel bicchiere...
Riapriamo con una ricetta cucinata pochi giorni prima delle vacanze, dovevo proprio essere in fissa con il sesamo in quel periodo - e onestamente lo sono ancora, per cui credo che prossimamente ci saranno altre ricette con il sesamo, complice il grosso barattolo che c'è in cucina -
Questa ricetta è tanto tanto semplice, ma anche tanto golosa, e a Lele piace proprio, per cui mi trovo a farla spesso. Poi qualche mese fa ho scoperto la genialata di impanare i bocconcini scuotendoli dentro un contenitore e da allora è diventata una ricetta velocissima, si perchè prima impanando dadino per dadino ci mettevo una vita....
Ok, ricetta, non metto le dosi, perchè non doso mai quando faccio i bocconcini.

- Petto di pollo intero
- Pane grattugiato
- Semi di sesamo
- Parmigiano grattugiato
- Erbe aromatiche miste
- Sale
- Un uovo (o due se fate tantissimi bocconcini)
- Olio EVO

Tagliate il petto di pollo a dadini. In una ciotola, sufficientemente grande da contenere tutti i bocconcini, sbattete l'uovo con un pizzico di sale e le erbe aromatiche. Versate i bocconcini di pollo e mescolate bene.
Mettete il pane grattugiato in un contenitore con coperchio, aggiungete il parmigiano e i semi di sesamo. Versate i bocconcini, pochi per volta per evitare un immenso blocco di pasticcio di pollo, chiudete il contenitore e "shekerate", fino a che i bocconcini saranno ben impanati. Disponeteli in una teglia e irrorate con un filino di olio evo.
Infornate a 170 - 180° per una quindicina di minuti. Si possono preparare anche con un giorno di anticipo, ma vi consiglio di consumarli appena cotti perchè sono più teneri.
Una variante provata una volta sostituisce il pollo con la fesa di tacchino e il sesamo con i semi di papavero, li ho serviti insieme in un cenaperitivo.

Spero che abbiate trascorso delle vacanze piacevoli, buon rientro a tutti! :)
Related Posts with Thumbnails