venerdì 23 dicembre 2011

Treccia di pane dolce ai fichi secchi e mandorle



A Natale si comprano i fichi secchi. Che sono buonissimi, ma alla fine rimangono chiusi. Questo succede a me. Poi si avvicina il Natale successivo e magicamente tornano davanti agli occhi i fichi secchi dell'anno precedente. Neanche troppo magicamente, in realtà sono sempre stati in dispensa davanti agli occhi, però si decide finalmente di dare una controllatina e "wow non sono affatto scaduti". Per evitare che accada si aprono, se ne mangiano 2 e poi ci si inventa qualcosa.
E cosa se non un profumatissimo pane molto molto energetico?
Adattissimo per la colazione natalizia, o per quelle post natalizie per smaltire i fichi secchi dei cesti!

200 gr di fichi secchi
80-100 gr di mandorle pelate
400 gr di farina 00
70 gr di miele (io ho usato quello di acacia)
200 ml di latte tiepido
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaio e mezzo di lievito di birra secco
latte e cannella qb per spennellare

Tritate i fichi secchi e le mandorle.
Impastate la farina, il latte, il miele, la cannella e il lievito fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungete i fichi e le mandorle, lavorate fino ad inglobarli perfettamente nell'impasto.
Formate una palla e lasciate lievitare per almeno un'ora e mezzo.
Dividete l'impasto in 3 parti, formate dei filoncini della stessa dimensione, uniteli in una delle estremità e formate una treccia. Io ho preferito formare 2 trecce, più gestibili rispetto a una grandissima.
Fate lievitare ancora per circa 45 minuti. Spennellate con latte tiepido e un po' di cannella.
Cuocete a 180° per circa 35-40 minuti, o comunque fino a che la treccia sarà dorata.


E con questo post auguro ufficialmente a tutti un serenissimo Natale, con le persone che più amate!
Related Posts with Thumbnails