lunedì 27 giugno 2011

Due gust is megl che uan... Fondant alla menta e fondant all'arancia


Si lo so, lo so. Lo so che il cioccolato in estate non si mangia... Lo so che in estate il forno non si accende perchè poi la casa diventa una sorta di caldarium... Ma torte così non sentono ragioni... A parte che a dirla tutta non le ho fatte oggi (ma figuriamoci, ho comunque sfidato i 30 e passa gradi odierni per le melanzane e per i peperoni al forno....), la versione all'arancia risale ormai a un mese fa, l'ho preparata per il compleanno di mia mamma, visto che i miei l'hanno trascorso qui. La versione alla menta invece l'ho fatta una settimana dopo (mi rendo conto, è scandaloso fare un cicciadolce così 2 volte in una settimana...) per un pranzo da amici... Sarà giunta l'ora di provare una terza versione????
Dovendo dire qual è più buona avrei serissime difficoltà, trovo infatti che sia la menta che l'arancia siano accostamenti perfetti per il cioccolato... Ma visto che la stagione dell'arancia è lontana, direi che in questo periodo la rinfrescante menta è più adatta!
Se vi viene voglia di mangiare questa torta rinviate la prova bikini di qualche giorno almeno... Qualche anno sarebbe ancora meglio!
La ricetta è tratta dal libro bimby "Cucinare a modo mio", si può quindi dedurre che l'ho fatta con il bimby ;)
In mancanza del bimby sciogliete cioccolato e burro a bagnomaria e utilizzate lo sbattitore elettrico per lavorare la torta!
Io ho messo la glassa solo sulla versione alla menta, nel fondant all'arancia ho scelto di dare solo una spolverizzata di zucchero a velo, un pochino-ino-ino più leggero...

per il fondant:
6 uova
1 pizzico di sale
250 gr di cioccolato fondente
130 gr di burro
150 gr di zucchero
50 gr di farina
la scorza di un'arancia bio oppure una quindicina di foglioline di menta

per la glassa al cioccolato:
100 gr di cioccolato fondente
60 gr di acqua
60 gr di zucchero
20 gr di burro


Per il fondant:
Versione all'arancia:
Mettete nel boccale del bimby (o del vostro robot) lo zucchero e la scorza d'arancia, polverizzate, 10 secondi velocità 9-10.
Versione alla menta:
Mettete nel boccale del bimby (o del vostro robot) lo zucchero e le foglioline di menta, polverizzate, 10 secondi velocità 9-10.

Tritate il cioccolato (10 sec. /vel. 7), aggiungete il burro e sciogliete (4 min. 50° vel. 7)
Unite i tuorli e lo zucchero aromatizzato (20 sec. vel 4), incorporate la farina (10 sec. vel. 4)
Montate a neve fermissima gli albumi con il sale, aggiungeteli al composto mescolando delicatamente con un cucchiaio dal basso verso l'alto per evitare di smontarli. Versate il composto in una tortiera apribile da 22 cm di diametro (la mia è della Guardini).
Cuocete la torta a 180° per 25-30 minuti.

Per la glassa:
Tritate il cioccolato (10 sec. vel 7), aggiungere l'acqua e lo zucchero, cuocete per 15 minuti, 100° velocità 3 senza misurino. A fine cottura aggiugete il burro e mescolate (30 sec. vel. 4)
Spalmate la glassa sulla torta.


martedì 21 giugno 2011

Uova nere con salmone affumicato



Questa ricetta un po' riadattata arriva dal corso di cui ho parlato qualche post fa. Foto fatta al volo perchè le abbiamo preparate a casa di amici...
La ricetta originale prevede le uova di quaglia, ma se si vuole fare qualcosa di un po' più sostanzioso si possono usare le uova di gallina come abbiamo fatto noi.... Se poi proprio desiderate qualcosa per appetiti davvero robusti ci sono sempre le uova di nandù... Scusate sono reduce da una gita in fattoria per lavoro :D
La ricetta è estremamente semplice ma davvero carina e buona, adatta come antipasto facile ma "scenografico". Niente dosi, dipende da quante uova mangiate!

uova
vino nero corposo
salmone affumicato
panna fresca
limone
mela verde
prezzemolo riccio
sale e pepe

Fate rassodare le uova, raffreddatele sotto l'acqua fredda e sgusciatele. Immergete le uova in una ciotola piena di vino nero, lasciatele riposare per 1 ore, girandole di tanto in tanto.
Mescolate la panna con il succo di limone, il sale e il pepe, mettete in frigorifero per un'ora.
Scolate le uova dal vino e asciugatele con carta assorbente, tagliatele a metà, salate e pepate.
Tagliate piccolissimi spicchi di mela verda, senza eliminare la buccia, strofinateli con il limone per evitare che anneriscano. Tagliate il salmone a striscioline sottili e lunghe meno di un mignolo, arrotolatele un po' come per formare una sorta di rosellina. Montate la panna, mettetene un cucchiaino su ogni uovo, posatevi sopra il salmone, lo spicchietto di mela verde e una fogliolina di prezzemolo riccio.
Più facile a farsi che a dirsi!
 

domenica 19 giugno 2011

Biscotti cuor di cocco



Oggi è il nostro blogcompleanno, è passato un anno dal post di inaugurazione, come nella vita di tutti in quest'anno sono successe tante cose più o meno belle, ma eccoci ancora qui, io sempre pronta a cucinare e Lele sempre pronto a mangiare :-D
I biscotti di oggi sono davvero fantastici, a parte che mi piacciono tanto esteticamente, sono proprio buoni e stamattina a colazione non riuscivo a smettere di mangiarli! Potrebbe essere la versione biscottosa del bounty... La ricetta arriva dal forum bimby, la geniale autrice si chiama Annamo e a lei va tutta la mia gratitudine per avermi fatto conoscere questi biscotti e per avermi permesso di condividerli con tutti coloro che entrano nella nostra cucina.
Io per la frolla ovviamente ho usato il bimby, ma è chiaro che come ogni frolla si può benissimo preparare a mano, con un po' di lavoro in più.

Per la frolla al cacao:
150 gr di zucchero
20 gr di cacao amaro
1 uovo+1 tuorlo
130 gr di burro morbido

Per il ripieno al cocco:150 gr di farina di cocco
1 albume
70gr di latte
100gr di zucchero


Per la frolla:
Tagliate a dadini il burro. Impastate rapidamente tutti gli ingredienti, formate una palla, mettetela nella pellicola alimentare e lasciatela riposare in frigorifero per almeno mezz'ora.
Con il bimby: polverizzate lo zucchero, 10 secondi velocità 8, aggiungete tutti gli altri ingredienti, 20 secondi velocità 5.

Per il ripieno:
In una ciotola mescolate delicatamente tutti gli ingredienti, fino ad ottenere un composto omogeneo.

Staccate dei pezzi di pasta grandi un po' più di una noce, fateli rotolare tra i palmi delle mani formando delle palline, appiattite le palline e ponete al centro un cucchiaino di ripieno al cocco, facendo attenzione a lasciare il bordo libero in modo da riuscire a chiudere i biscotti riformando delle palline. Visto il caldo io li ho fatti riposare in frigo ancora una ventina di minuti. Fate cuocere a 180° per 15-18 minuti.

lunedì 13 giugno 2011

Focacciata alle erbe aromatiche... Un po' focaccia un po' farinata


Ho provato a fare la farinata un po' di volte, ma mai con risultati sorprendenti... Ho quindi deciso di provare a utilizzare la farina di ceci per fare una focaccia, aromatizzata con un po' di erbe profumate e con l'aglio.
Il risultato finale è stato molto simile a una farinata anzichè a una focaccia, e finalmente a una farinata buona...
Direi che d'ora in poi la farò così, visti i miei insuccessi con il procedimento tradizionale...
Io per comodità ho impastato tutti gli ingredienti nel bimby, 3 minuti velocità spiga.

150 gr di acqua tiepida
mezzo cucchiaio di lievito di birra secco
un cucchiaio di olio extravergine d'oliva
un rametto di salvia
un rametto di rosmarino
un rametto di timo
2 spicchi d'aglio
sale fino
zucchero

Per condire:
sale grosso
25 ml di acqua
25 ml di olio
foglioline di timo

Tritate finemente le erbe aromatiche e l'aglio con la mezzaluna.
Sciogliete il lievito in metà dell'acqua aggiungendo un cucchiaino di zucchero. Impastate le farine con il lievito, il resto dell'acqua, l'olio, il sale fino e il mix aromatico. Formate una palla, mettetela in una ciotola unta e fate lievitare per 2 ore.
Stendete la pasta in una teglia rettangolare unta con un filo d'olio, conditela con il sale grosso, le foglioline di timo e l'emulsione ottenuta mescolando energicamente acqua e olio.
Cuocete a 200° per circa 25 minuti.

Con questa focacciata partecipo al contest di Elisina, relativo pizze e focacce :)

mercoledì 8 giugno 2011

Fagottini agrodolci con zucchine e ribes rossi




Negli ultimi giorni ho di nuovo tanta voglia di cucinare e sperimentare. Diciamo che fondamentalmente ho quasi sempre voglia di cucinare, e ogni tanto mi prendono i raptus creativi e sento il bisogno di fare stranezze...
Il corso di cucina a cui ho partecipato qualche settimana fa e l'arrivo del secondo pacco di prodotti Rigoni di Asiago ha fatto crescere a dismisura questa vena creativa e qualche sera fa mi sono trovata, per la prima volta in vita mia, a mettere la marmellata nella cena :-D
Prima però ho provato a mettere un po' di confettura in un cucchiaio insieme al mix di verdure, per accertarmi di avere avuto una buona idea, ho assaggiato e mi sono sentita molto chef :-D così ho potuto procedere alla realizzazione dei fagottini.
Che buffona... Devo dire però che questi fagottini sono davvero meritevoli, sono piaciuti molto anche a Lele, che ha preso con serenità il fatto di mangiare zucchine e confettura insieme...

10 cialde di riso (quelle per involtini primavera, si trovano nel reparto etnico del super)
250 gr di zucchine novelle
2 cipollotti freschi
100 gr di tofu
olio extravergine d'oliva
salsa di soia
dado autoprodotto
10 steli di erba cipollina

Lavate e asciugate le zucchine, tagliatele a rondelle sottili. Affettate i cipollotti a velo e fateli stufare in padella con l'olio e due dita d'acqua. Tagliate il tofu a dadini piccoli e unitelo ai cipollotti e alle zucchine. Insaporite con la salsa di soia e lasciate cuocere per una decina di minuti. Se necessario salate, io ho aggiunto mezzo cucchiaino scarso di dado vegetale bimby.
Ammorbidite una cialda di riso immergendola per pochi secondi in un piatto pieno di acqua tiepida, posatela su un canovaccio asciutto e pulito e temponatela un po'. Posate la cialda su un piattino, versate al centro un cucchiaino di confettura di ribes rosso e un cucchiaio e mezzo di zucchine e tofu. Chiudete la pasta a fagottino e legate l'estremità con uno stelo di erba cipollina. Spennellate il fagottino con l'olio e posatelo su una teglia ricoperta di carta forno. Ripetete il procedimento per le altre 9 cialde di riso.
Cuocete in forno a 200° per una decina di minuti.

domenica 5 giugno 2011

Medaglioni di asparagi con sigari di parmigiano



Questa ricetta arriva dal libro Bimby "Verdure e delizie di stagione", troppo carina per non esser fatta, troppo forte la voglia di utilizzare il coppapasta a cuore della Guardini per non farla, troppi giorni di frigo per gli asparagi per non farli se non così. Quindi l'ho fatta. Ho dovuto stravolgere un po' le dosi e qualche altro dettaglio per adeguarla a ciò che il frigo offriva (ossia un solo mazzo di asparagi, limone anzichè pompelmo rosa...), ma sono comunque molto soddisfatta del risultato.
Anche se devo ammettere che al primo tentativo non ho ottenuto un sigaro di parmigiano, bensì una cacca di piccione di parmigiano, ma poi ci ho fatto la mano!
Le dosi sono per 2 persone, ho ottenuto 3 medaglioni.

un mazzo di asparagi (a noi piacciono quelli sottili)
il succo di mezzo limone
sale
aromi a vostra scelta (ehm... ho usato un mix per dolci a base di pepe rosa, fragola, lampone, coriandolo, vaniglia mi ispirava troppo e giuro che stava benissimo!)
olio extravergine d'oliva
due pomodori camone maturi
4 o 5 cucchiai di parmigiano grattugiato

Lavate bene gli asparagi ed eliminate la parte più dura. Cuoceteli a vapore (io li ho cotti nel cestello del bimby per 15 minuti).
Tagliateli a tocchetti molto piccoli (io ho tritato 3 secondi nel bimby velocità 3) e conditeli con olio, limone, sale e se vi piace aromi. Fate raffreddare. Lavate e pelate i pomodori e tagliateli a dadini.
Poggiate il coppapasta su un piatto, riempitelo per metà con gli asparagi e premete con lo stantuffo. Sollevate il coppapasta e mettete i pomodori a dadini sul medaglione di asparagi. Fate scaldare una padellina antiaderente e distriduite al centro un cucchiaio di parmigiano grattugiato. Appena sarà sciolto giratelo dall'altro lato e terminate la cottura. Mettete il formaggio sciolto su un pezzetto di carta forno, posatevi sopra un altro pezzo di carta e arrotolate.
Servite i sigari di parmigiano con i medaglioni di asparagi.

giovedì 2 giugno 2011

Una sera di quaderni e fornelli...

Martedì 17 maggio io e Lele, insieme ad una coppia di amici, abbiamo partecipato ad una lezione di cucina della scuola Quaderni e Fornelli. La serata è stata carinissima, il corso inizia alle 20.30, si cucina insieme e poi ci si siede a cena a gustare tutti i piatti preparati. Noi abbiamo scelto la lezione "L'aperitivo alla milanese" perché le ricette proposte erano davvero stuzzicanti.

Ben sei le ricette:
- crema di melanzane con ricotta e coppa, secondo me la preparazione più buona di tutta la serata;
- cantucci salati al gorgonzola;
- bignè rustici alle olive e acciughe, i preferiti di Lele insieme agli...
- spiedini ai due sapori, dei fagottini di cialda di riso (scoperta magnifica le cialde di riso!!!) ripieni di asiago e olive e di wurstel e senape;
- mini muffins salati alle erbe e formaggio con salsa di pomodoro piccante;
- uova di quaglia nere con trota affumicata.

Prossimamente le ricette su queste pagine.
L'esperienza ci è piaciuta così tanto che abbiamo riprodotto praticamente l'intero menù insieme ai nostri amici, per un pranzo specialissimo nel loro giardino :)
Se siete di Milano e zone limitrofe vi consiglio di provare una di queste serate, l'atmosfera è davvero piacevole e le due maestre molto carine e disponibili!



Il bel buffet finale (anche se sul tavolo mancano alcune preparazioni...)



La preparazione del "finto mojito" analcolico a base di succo d'ananas, buonissimo!!!!



Mini muffins in preparazione


Spero proprio di tornare per un'altra lezione nella prossima stagione...

mercoledì 1 giugno 2011

Nuovi arrivi in dispensa...

Questo è il centesimo post della cucina di Mau & Lele... E tra poche settimane festeggeremo il primo compleanno della cucina virtuale (domani il secondo di quella in cui trascorriamo buona parte del nostro tempo).
E come celebrare il centesimo post se non con i graditissimi omaggi di due aziende? Ho ritardato un po' nella stesura di questo post, ma alla fine eccoci qui...
Un grande ringraziamento va alla Guardini, quando ho aperto il pacco sembravo una bambina impazzita! Stampi antiaderenti, coppapasta e stampi i silicone, posso sbizzarrirmi!


Un ringraziamento grandissimo va anche alla Rigoni di Asiago, è arrivata la seconda spedizione con 6 confetture particolarissime che non vedo l'ora di provare!
Ribes rosso, corniole, prugnole selvatiche, visciole, melograno, cranberry e in più il carinissimo cucchiaio magico, che con ampia probabilità diventerà il giocattolo preferito di Lele... :-D

Related Posts with Thumbnails