lunedì 29 agosto 2011

Mousse di melanzane con formaggio di capra e prosciutto crudo



Le melanzame mi piacciono tanto, le compro praticamente in qualsiasi stagione, anche se adesso dovrebbero essere decisamente migliori. Questa preparazione nasce dal famoso corso di cucina, l'ho un po' modificata perchè avevo del formaggio di capra che andava consumato immediatamente, la ricetta originale infatti prevede una crema di ricotta, ma sinceramente, considerato il mio amore per i caprini, è più buona -e ancora più veloce- così.
L'ho sperimentata sia con la coppa (sempre nella versione originale), sia con lo speck, che con il crudo, tutti questi affettati si sposano perfettamente con questa mousse, scegliete quello che vi piace di più (o che avete in frigo!)
Per renderla più digeribile ho scelto di omettere sia aglio che cipolla, usando invece qualche spezia per insaporire.
Dosi per 2:

una melanzana
un cucchiaino di gomasio
un cucchiaino di tahin
mezzo cucchiaino di cumino in polvere
un pizzico di peperoncino in polvere
un cucchiaio di Olio extravergine d'oliva
100 gr di formaggio di capra fresco
100 gr di prosciutto crudo

Lavare la melanzana e tagliarla a metà, eliminando il picciolo. Con un coltello affilato incidete la melanzana con dei tagli in diagonale in entrambe le direzioni, in modo da ottenere dei rombi, facendo ben attenzione a non arrivare fino a tagliare la buccia. Coprite le melanzane con l'alluminio e cuocetele in forno a 200° per circa mezz'oretta, o comunque fino a che la polpa non si staccherà facilmente dalla buccia.
Fate raffreddare la melanzana, scavatene poi la polpa con un cucchiaio e mettetela in una ciotola. Aggiungete le spezie, il gomasio, la tahin, l'olio e frullate il tutto con un frullatore a immersione.
Versate la mousse di melanzane nelle ciotoline e guarnite con pezzetti di formaggio di capra e fette di crudo arrotolate.

Se preferite potete preparare delle quenelle di ricotta da posare sulla mousse. Basterà montare a crema 100 gr di ricotta con sale, pepe e un cucchiaio di grana, formare le quenelle e servire.





giovedì 25 agosto 2011

Gelato al cioccolato all'arancia



La mia settimana da casalinga volge al termine, ancora poco e poi lunedì riprende il lavoro. Forse la vita da casalinga non mi si addice del tutto, mi vengono le manie di onnipotenza, faccio di tutto e arrivo a fine giornata stremata... Magari perchè lo sono per periodi limitati? Chi può dirlo...
Il caldo continua ad essere insopportabile, e confesso che quasi mi manca l'idea di piumino e sciarpe...
Cosa di meglio di un bel gelato quindi? In realtà l'ho fatto prima delle ferie, in questi giorni, per farmi del male, sto facendo un sacco di cose al forno (ma no in fondo non scalda di più...)
Io l'ho preparato con il bimby, immagino si possa fare anche senza con un po' di pazienza in più, preparando la crema in un pentolino e mantecando con un buon robot da cucina.
Ammetto di esser piuttosto orgogliosa di questo gelato (meno della foto invece, ma non si può avere tutto dalla vita, mica potevo far sciogliere il gelato nell'attesa di uno scatto decente...!), il primo della mia vita, preparato a caso dopo essermi documentata un po' sui gelati bimby. Mi raccomando farina di semi di carrube, non farina di carrube!!!

250 gr di panna fresca
200 gr di latte intero
100 gr di zucchero
100 gr di cioccolato fondente all'arancia
mezzo cucchiaino di farina di semi di carrube
un pizzico di sale
un pizzico di vaniglia bourbon in polvere
2 uova
1 cucchiaio di fruttosio

Scaldate nel boccale del bimby (o in un pentolino a bagnomaria o a fuoco bassissimo, mescolando spesso) il latte con la panna, il sale e la vaniglia impostando 7 minuti, 80°, velocità 1.
Azionate le lame a velocità 5, aggiungete le uova, lo zucchero, il cioccolato spezzetato, il fruttosio e la farina di semi di carrube, cuocete 7 minuti, 70°, velocità 5. (Senza bimby: togliete il pentolino dal fuoco, aggiungete gli ingredienti e mescolate bene con la frusta a mano, poi riprendete la cuttura a bagnomaria, il composto alla fine avrà la classica consistenza del gelato sciolto)
Versate il composto in 2 teglie usa e getta, fate raffreddare e mettete in freezer. Dopo 3 ore togliete dal freezer e pretagliate formando una grata.
Il giorno dopo (o comunque dopo almeno 10 ore) tagliate il composto a cubetti e mettetelo nel boccale in 2 volte, frullate per 40 secondi a velocità 7.
Potete mangiarlo subito oppure conservarlo in freezer. Tiratelo però fuori una decina di minuti prima di consumarlo.
Un buon modo per conservarlo è metterlo negli stampini usa e getta per muffins, magari quelli che hanno anche il coperchietto di plastica, così si dosano perfettamente e non è necessario togliere dal freezer tutto il gelato ogni volta che si vuole un po' di gelato. Con queste dosi si riempiono 7-8 stampini.

lunedì 22 agosto 2011

Cestini di zucchine agli aromi e riapertura cucina...



Ed eccoci qui... Le vacanze sono finite, il rumore e il colore del mare restano solo un piacevole ricordo mentre il caldo tremendo di Milano l'atroce realtà... Speravo di trovare temperature più miti, ma in realtà fa molto più caldo adesso che nel periodo prevacanziero, comunque meglio non lamentarsi visto che tra qualche mese probabilmente imprecherò contro la neve e rimpiangerò la calura di agosto. In questo weekend Milano faceva davvero impressione, strade praticamente deserte... Saremo gli unici a esser rientrati?!?!? Io in realtà ho ancora una settimana di ferie che passerò a fare la casalinga, recuperando un po' di cose arretrate e preparando un po' di "4 salti di Mau", ovvero piatti da congelare per i giorni in cui non avrò tempo di fare nulla.
Dopo queta lunga e noiosa logorrea parliamo un po' di queste zucchine ripiene. Ho scoperto le zucchine tonde solo quest'estate, o meglio le conoscevo ma non le avevo mai provate, poi complice il geniale acquisto dello scavino mi sono buttata, e ora le adoro, bisogna però esser fortunate e trovare zucchine buone, una volta infatti mi sono venute una schifezzuola, grandi quasi come meloni erano piuttosto amarognole... Ragion per cui meglio scegliere zucchine tonde piccole.

4 zucchine tonde
uno spicchio d'aglio
2 uova
2 cucchiai di grana grattugiato
2 cucchiai di pane grattugiato
olio extravergine d'oliva
prezzemolo
basilico
timo
erba cipollina
sale
pepe bianco

Lavate bene le zucchine, tagliate la calotta e scavate la polpa con uno scavino, facendo attenzione a non tagliare la base. Bollite le zucchine svuotate e le loro calotte per circa 5 minuti, scolate e lasciate raffreddare. Tagliate a dadini la polpa delle zucchine e fatela rosolare con un filo d'olio, salate e pepate. Fate raffreddare la polpa rosolata e poi unitevi 2 tuorli, il grana, il pane grattuggiato e le erbe finemente tritate insieme all'aglio. Montate gli albumi a neve fermissima, incorporateli al composto preparato facendo attenzione a non smontarli. Riempite i cestini di zucchina con il composto, aiutandovi con un cucchiaio, metteteli in una teglia e copriteli con le loro calottine, irrorate con un filo di olio e cuocete in forno a 200° per 20-25'.

Related Posts with Thumbnails