sabato 30 marzo 2013

Gli... sciatti. Ovvero fagottini di grano saraceno al bitto e miele di timo.



Ahi, ahi, ahi, ahi... Ho avuto circa un mese e mezzo di estrema costanza con la pubblicazione puntuale del mercoledì, e vi pareva che potesse durare a lungo?
Comunque sono solo in ritardo di qualche giorno, per cui sono miracolosamente riuscita a mantenere lo standard di un un post a settimana, miracolo! :-D
In realtà se non fosse stato per il contest RdA che scade domani credo che questa settimana sarebbe passata senza aggiornamenti, ma avevo ideato e fotografato questa ricettina e volevo fare l'ultimo tentativo.
Liberamente ispirati dal nostro recente weekend valtellinese ecco gli sciatti! Sciatti un po' perchè basta guardarli, tutto sono fuorchè eleganti o presentabili, e poi perchè sono una rivisitazione - molto rivisitata - degli sciatt, quelle meravigliose frittelline di grano saraceno ripiene di formaggio semigrasso che riempiono la vita (e il girovita) di gioia. I valtellinesi impallidiranno, speriamo allora non passino di qua.
Dosi piccine per 2 persone, era un esperimento ardito.

50 gr di farina 0
50 gr di farina di grano saraceno
30 gr di vino bianco
1 cucchiaio (circa 15 grammi) di olio extravergine d'oliva
50 gr di bitto
timo fresco qb
sale

Mescolate bene le 2 farine, salate e aggiungete vino e olio, impastate fino ad ottenere un composto omogeneo che stenderete con il mattarello in una sfoglia sottile.
Ricavate dei quadrati di circa 8 cm di lato, mettete al centro un cubetto di bitto, un paio di foglioline di timo lavate e asciugate e mezzo cucchiaino di mielbio. Chiudete i fagottini ripiegando le estremità verso il centro.
Cuocete a 180° per 10-15 minuti e servite ben caldi.

Come già scritto questa ricetta partecipa al contest della Rigoni di Asiago


 

Buona Pasqua a tutti!

mercoledì 20 marzo 2013

Muffins alle mele con miele di melo




Muffins alle mele con miele di melo. Apelle figlio di Apollo fece una palla di pelle di pollo....
Suona un po' come uno scioglilingua. Tutti questi mieli mi hanno dato alla testa! Che buoni! Quando ho letto la descrizione del miele di melo mi sono sentita profondamente ispirata a rifare i soliti muffins alla mela con qualche modifichina, e siccome si sa che miele e noci è un matrimonio perfetto non mi sono potuta esimere dall'aggiungerne una manciata.
La ricetta è ispirata a quella dei muffins alla banana.



2 mele sbucciate e tagliate a fette (per un totale di 200 gr)
200 gr di farina
100 gr di olio di semi di girasole
2 uova
2 cucchiai abbondanti di mielbio di melo Rigoni di Asiago
4 noci
1/2 bustina di lievito per dolci
un pizzico di bicarbonato

Frullate le mele, aggiungete le uova, l'olio, il miele e frullate fino ad avere un composto omogeneo.
Aggiungete la farina, il lievito, il bicarbonato e le noci spezzettate grossolanamente, mescolate il tutto velocemente, riempite per 3/4 gli stampini da muffins decorate con la granella di zucchero e infornate a 180° per 20 minuti.

E anche questi muffins partecipano al contest RdA






mercoledì 13 marzo 2013

Hamburger di salmone alla senape



Buoni, sani, veloci e leggeri.
Cosa volere di più? Se si aggiunge la salsa sono anche golosi senza appesantirsi troppo, ma volendo si possono lasciare anche nature.
Oggi sono di poche parole, via alla ricetta, che arriva da uno dei corsi della scuola Quaderni e Fornelli, di cui vi avevo parlato tempo fa.

Per gli hamburger:
600 gr di filetti di salmone
2 cucchiai di semi di senape
1 scalogno
un rametto di timo
pane grattugiato
sale

Per la salsa:
1 vasetto di yogurt bianco
2 cucchiai di maionese
2 cucchiai di senape

Mescolate yogurt, maionese e senape, salate e pepate.
Tagliate il salmone a cubetti dopo aver tolto eventuali spine, tritatelo finemente o frullatelo in modo grossolano. Unite al salmone i semi di senape (o la senape se non avete i semi), lo scalogno tritato finissimo, il timo lavato e sfogliato e un pizzico di sale.
Formate gli hamburger con le mani o l'apposito attrezzo se lo avete, passateli nel pane grattugiato e sistemateli sul cestello della vaporiera ricoperto di carta forno. Cuocete per 10 minuti.
Condite gli hamburger con un filo d'olio e servite con la salsa alla senape.

In foto non vedete la salsa, io non l'ho fatta, viva la dieta! Però l'ho provata ed è deliziosa, sta benissimo con gli hamburger ma questi sono ottimi anche senza alcuna salsa.

mercoledì 6 marzo 2013

Maltagliati al pesto di carciofi e arancia



Dalla cucina di Mau & Lele.
Mau: << Leleeeee!!! Dai, è pronto!!!>>
Lele: << Eccomi, arrivo!!>>
Lele si siede e si inizia a mangiare.
Lele: << Sai qual è il problema di queste cose con l'arancia? Sanno di bagnoschiuma...>>
Mau: << Tu mi ammazzi la fantasia. Non ti piace? A me si>>
Lele: << Non ho detto che non mi piace. Però è strano. >>
Silenzio in cucina, si continua a mangiare.
Lele: << Però... è buono >>
E ci è mancato poco che leccasse il piatto.
Io a volte non lo capisco... Uomo prevenuto!

2 porzioni di maltagliati freschi (o la pasta che preferite, fresca o secca...)
2 carciofi
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
un cucchiaio di succo d'arancia
un quarto di buccia di arancia grattugiata
un cucchiaio abbondante di pecorino grattugiato
sale
sale all'arancia
pepe
un limone

Io ho ricavato i maltagliati da alcuni avanzi di pasta all'uovo fatta un po' di tempo fa che avevo conservato in freezer. Se dovessero servirvi delucidazioni su come prepararli cliccate qui, una volta ricavata la sfoglia limitatevi a tagliarla a caso... Io l'ho fatto in modo molto brutale con le forbici da cucina, l'ideale sarebbe con la rotella tagliapasta, ma la mia sfoglia ancora mezzo congelata lo rendeva difficoltoso.
Tagliate e pulite i carciofi, immergeteli in acqua acidulata con il succo di limone.
In una pentola ampia mettete abbondante acqua, portate a bollore e salate. Cuocete i carciofi per 7 minuti e scolateli con la schiumarola, tenendo l'acqua nella pentola. Mettete i carciofi nel frullatore e frullate fino a ottenere una crema granulosa, aggiungete un cucchiaio d'olio, il succo e la scorza dell'arancia, un pizzico di pepe, il sale all'arancia (se non ce l'avete va benissimo il sale comune) e un paio di cucchiai di acqua di cottura dei carciofi. Aggiungete il pecorino grattugiato e mescolate bene.
Riportate a bollore l'acqua di cottura dei carciofi, cuocete la pasta, scolatela bene e unitela al pesto di carciofi.
Related Posts with Thumbnails